By Cesia Murillo

Indumenti e accessori di seconda mano, un segmento che sta guadagnando terreno in Ecuador

La piattaforma di rivendita di indumenti e accessori ThredUp, nel suo rapporto annuale 2019, ha previsto che il mercato dell’usato crescerà da $ 24 miliardi a $ 51 miliardi nei prossimi cinque anni.

Le aziende legate alla moda nel corso di quest’anno sono state colpite dalla crisi sanitaria globale, molte hanno chiuso i loro negozi, altre hanno sospeso o rinviato i loro eventi, mentre alcuni hanno reinventato le loro attività, parallelamente il comportamento dei consumatori si è trasformato e oggi preferiscono acquistare pezzi di seconda mano in buone condizioni.

Un paio di anni fa, Mae Guerrero, responsabile del Pulguero UIO, ha creato questa iniziativa come un modo per sensibilizzare la comunità sulla salvaguardia dell’ambiente attraverso il riutilizzo di indumenti o accessori e impedire che una quantità eccessiva di indumenti vada in discarica. Inoltre, ha visto in questa impresa un’opportunità per generare reddito, anche per offrire ai suoi clienti uno spazio da condividere con la famiglia o gli amici. Tuttavia, la sua attività ha subito alcuni cambiamenti a causa del Covid-19 e attualmente organizza tutto digitalmente.

480Photo El Pulgero UIO

In un’intervista con la fondatrice, siamo stati in grado di saperne di più su questo progetto e sulla sua accettazione nel mercato ecuadoriano.

  1. Come è nata questa iniziativa e cosa ti ha spinto a realizzarla?

El Pulguero UIO nasce dall’idea di creare uno spazio dove le persone possano trovare un luogo rispettoso dell’ambiente e della sua economia. Mi è sempre piaciuto comprare vestiti, ho avuto modo di avere molti vestiti e accessori che praticamente non facevano altro che decorare il mio armadio. Un giorno ho deciso di vendere questi pezzi e dare loro una seconda possibilità. Insieme ad un amico abbiamo costruito un garage ed è stato un successo. È lì che è nata l’idea di avventurarsi nei mercatini delle pulci.

2. Cos’è El Adefesio?

Il mio primo mercatino delle pulci si chiamava El Adefesio, ce l’avevo in società con un’amica molto cara, ma lei andò a vivere in un altro paese e mantenere l’attività a distanza era complicato. All’inizio la mia idea era di comprarle metà della fiera, ma dopo aver fatto conti, rompendomi la testa pensando, piangendo, meditando sull’argomento, ho deciso che la cosa migliore era aprire il mio mercatino delle pulci. Attualmente El Pulguero UIO è più popolare tra il pubblico in generale.

3. Qual è la missione del Pulguero UIO?

Generare una cultura del riciclaggio e del riutilizzo di oggetti di seconda mano, acquistando e vendendo a prezzi convenienti accessibili ai nostri clienti.

Vogliamo che le persone si liberino della mentalità secondo cui indossare abiti già usati è sbagliato, per capire che è un’ottima opzione per acquistare vestiti e accessori. Che è possibile trovare “tesori”, come mi piace chiamarli, nei mercatini delle pulci.

450450Photo El Pulguero UIO

4. Quali sono gli obiettivi di medio e lungo termine dell’UIO Pulguero?

Per ora con la pandemia e la situazione in cui viviamo, è un po ‘difficile rispondere a questa domanda. Tuttavia, non è impossibile concentrarsi e proiettarsi, è il meglio che possiamo fare. A medio termine, è per stabilire meglio la nuova modalità che con l’arrivo del Covid-19 abbiamo dovuto stabilire con El Pulguero UIO e garantire che i nostri showroom di Quito e Cumbayá generassero entrate per le persone che vendono i loro vestiti e accessori con Offriamo anche abbigliamento di qualità a buoni prezzi ai nostri clienti. Un piano a lungo termine è quello di gestire i mercatini delle pulci non solo a Quito, ma anche in altre città del paese.

5. Parlaci del processo di raccolta e selezione dei capi o accessori e del trattamento prima della loro vendita.

Di solito non ce ne occupiamo, poiché la vecchia modalità era quella di affittare gli spazi, fare la promozione della fiera e ogni espositore era incaricato di vendere i propri articoli o vestiti. Tuttavia, con la nuova modalità lo stiamo facendo. Abbiamo due centri di raccolta, uno a Quito (settore República del Salvador) e un altro a Cumbayá (La Tejedora).

Le persone interessate a vendere i loro pezzi attraverso la nostra piattaforma possono contattarci e fissare un appuntamento in modo che possiamo vedere fisicamente i vestiti e decidere con quali vestiti siamo interessati a lavorare. Cerchiamo abiti originali, diversi, in buone condizioni, senza macchie e uno dei requisiti è che tutto sia lavato. Una volta selezionati i capi, li disinfettiamo in modo che siano pronti per la vendita e che non ci siano rischi di contagio da parte di Covid.

6. Com’è stata l’accoglienza tra i consumatori che vogliono indossare la moda con coscienza?

È stato incredibile, sento che quest’anno El Pulguero è cresciuto immensamente e siamo riusciti a consolidare una comunità di persone a cui piace consumare moda consapevole e che sono impegnate su questo tema.

Photo El Pulguero UIO

7. Qual è la fascia di prezzo dei suoi prodotti?

In pratica, dalle cose all’asta a $ 1, ad articoli o capi di abbigliamento che sono considerati molto costosi magari intorno ai $ 30 (dipende molto dallo stato del capo, se è ‘vintage’ o di che marca è).

8. Qual è il gruppo target a cui si rivolgono?

Chiunque ami la moda consapevole e voglia cambiare stile nel modo di consumare i capi. La maggior parte dei clienti sono ragazze di età compresa tra i 20 ei 35 anni.

9. Quante edizioni ha El Pulguero UIO all’anno?

Abbiamo un’edizione al mese, ci sono 12 edizioni all’anno in totale, oltre ad altre fiere di design e imprenditorialità che svolgiamo anche noi. Prima della pandemia avremmo iniziato a lavorare su due edizioni al mese, ma per il momento ne abbiamo una.

10. Sappiamo che contemporaneamente c’è anche l’opzione del “Pulguero Trendy”, di cosa si tratta, qual è la differenza con El Pulguero UIO?

In ogni edizione invitiamo sei marchi o imprese ecuadoriane a unirsi a El Pulguero Trendy, che è uno spazio all’interno del nostro mercatino delle pulci in cui queste aziende possono fare sconti o aste delle loro passate collezioni o capi che non potevano essere venduti.

Photo El Pulfuero UIO

11. Consideri che sia cambiata l’idea degli acquirenti rispetto ai mercatini delle pulci?

È un processo lento, ma penso che ci sia una crescente accettazione e apertura con questa tipologia di negozio, soprattutto da parte dei giovani. Ci sono ancora molti stigmi sociali e stereotipi che devono essere infranti, le persone devono essere comunicate e informate sui vantaggi dell’acquisto di vestiti di seconda mano, non solo ecologicamente ma anche economicamente. In altri paesi lo fanno sempre ed è persino considerato qualcosa di “trendy” e “cool”, oserei dire che ogni volta le persone sono incoraggiate e più aperte all’argomento.

12. Ho notato che a causa della quarantena stanno organizzando anche fiere digitali, come funzionano e da quando sono disponibili?

È la nostra nuova modalità. El Pulguero UIO ha dovuto reinventarsi e adattarsi ai tempi in cui viviamo. Al momento, date le regole di allontanamento sociale, è impossibile tenere le nostre fiere. Ora siamo noi a vendere vestiti di seconda mano attraverso le nostre piattaforme digitali. Addebitiamo $ 30 e per questo importo le persone hanno il diritto di vendere fino a 15 capi, a partire dall’articolo numero 16, addebitiamo $ 2,50 per articolo. I nostri clienti stabiliscono i loro prezzi e una volta venduti trasferiamo loro il profitto.

13. Che tipo di protocollo di sicurezza utilizzi per le spedizioni?

Non spediamo, vendiamo solo su appuntamento nei nostri showroom. Poiché acquistare vestiti di seconda mano è più complicato, le persone vogliono sempre vedere in che condizioni sono i vestiti e anche provare i pezzi. Nel caso qualcuno di un’altra città volesse comprare qualcosa possiamo spedirgli i vestiti, tutto verrà lavato e disinfettato, non si accettano cambi o resi.

14. Parlaci degli altri progetti che realizzi anche tu.

Insieme a El Pulguero UIO abbiamo anche Art Walk UIO, la nostra fiera di design e imprenditorialità ecuadoriana, lo scopo di questo spazio è promuovere il design locale, promuovere il talento e il potenziale che esiste nel nostro paese.

Anche in tutte le edizioni di El Pulguero UIO abbiamo l’adozione di animali domestici, ci impegniamo per gli animali, è il nostro granello di sabbia con loro. E parallelamente sono una truccatrice.

Photo El Pulguero UIO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...